terremoti e idrocarburi

Cercare ed estrarre idrocarburi in una zona terremotata non è cosa sensata. Tantomeno in presenza di faglie e in zone densamente popolate come la nostra. Qui sotto la mappa delle faglie sismiche dell’Istituto Nazionanle di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Ne vedete una tra Castel Bolognese e Faenza e un’altra tra Bagnacavallo e Fusignano, in giallo. La fascia rossa mostra la zona sismica senza sorgenti localizzate.

Mappa sismica di Castel Bolognese in formato pdf e mappa interattivo sul sito INGV

Annunci

Estrazione di idrocarburi: incontri con esperti a Bagnacavallo e Ravenna

Segnaliamo gli incontri con Rita D’Orsogna, esperta nei problemi ambientali legati alle trivellazioni, a:
Bagnacavallo, 7 giugno, ore 20:45 Palazzo Vecchio
Ravenna Ravenna, 8 giugno ore 18, Planetario
Ricordiamo che il 10 giugno scade la possibilità per presentare osservazioni sull’impatto ambientale della ricerca idrocarburi San Patrizio, che interessa il territorio di territorio dei seguenti comuni: Alfonsine, Bagnacavallo, Conselice, Fusignano, Lugo, Massa Lombarda, Sant’Agata sul Santerno, Argenta, Imola, Medicina, Mordano.

Continua a leggere

Idrocarburi, non stanno esagerando?

Nei comuni dell’unione della bassa romagna (Alfonsine, Bagnacavallo, Bagnara, Conselice, Cotignola, Fusignano, Lugo. Massa Lombarda, Sant’Agata) sono stati concessi o sono in concessione:
– 5 permessi di ricerca relativi a 5 compagnie diverse (4 straniere), + 1 pozzo esplorativo
– 1 permesso di coltivazione (la figura sul sito del comune e’ di un pozzo di “shale gas”, ovvero non convenzionale e pericoloso perche’ frammenta le rocce nel sottosuolo. )
– 2 di stoccaggio

Continua a leggere

Una compagnia australiana cerca metano a Castel Bolognese

Una compagnia australiana, la Po Valley ha recentemente ottenuto (3 dicembre 2012, ma la pubblicazione sul sito web è solo di questa settimana) la concessione per cercare metano su un territorio di 90 kmq nei comuni di Imola (63kmq), Dozza, Mordano, Castel Bolognese (15kmq), Riolo Terme, Faenza.  Il progetto prevede una possibile nuova acquisizione di dati geologici attraverso una campagna di rilevamento sismico e lo scavo di due pozzi esplorativi fino a 4500 m di profondità. Continua a leggere