Tra 10 anni, il viale di tigli sarà ingestibile

Faenza, 21 dicembre. Conferenza sul verde in città. Introduce il sindaco di Faenza, dice che la gente chiede di potare forte,  ma che gli uffici comunali del verde pubblico gli rispondono che gli alberi soffrono i tagli.

Alla fine dell’intervento. il Dott. Morelli parla del viale di platani dello stradone di Faenza. Il viale è stato capitozzato nel 1975, come conseguenza di quei tagli molte piante sono invecchiate precocemente o sono malate. Il viale è diventato “ingestibile”: non è possibile sostituire le piante ammalate poichè un viale tende a crescere come una unica pianta e i nuovi platani stenterebbero a crescere in mezzo agli altri.

Si parla quindi del Viale Cairoli a Castel Bolognese, e della capitozzatura dei tigli, che si aggiunge alle capitozzature del 1975 e del 2000. Il dott. Morelli dice il problema si porrà tra 10 anni, i danni di questa capitozzata renderanno il nostro viale “ingestibile”.

Continua a leggere

Annunci

Proposte per un regolamento sul verde

Il Comitato Ambiente e Paesaggio, nato per favorire l’informazione e la partecipazione dei cittadini alle scelte ambientali, propone che gli interventi sul verde pubblico siano discusse in pubblico.

Tutti hanno il diritto di essere informati sulle questioni che riguardano l’ambiente e la nostra qualità di vita, e il diritto di poter partecipare a migliorarli. Non si tratta di un lusso o di una concessione da amministratori illuminati, ma di un diritto riconosciuto dalla costituzione, dai trattati internazionali, e persino dalle leggi italiane[1]! Intendiamo esercitare questo diritto.

Continua a leggere

Una vita da tiglio, una vita di tagli.

Mi presento, sono il tiglio numero 124, sto a metà di viale Cairoli. Ho 70 anni, non sono proprio giovane, ma mi aspetto di superare i 250 anni. Sono alto e molto, molto bello. In verità siamo bellissimi: ho 280 fratelli e anche la forestale ci fa i complimenti perché per trovare un viale altrettanto monumentale occorre cercare fuori regione.

Dal 20 novembre ho chiuso gli occhi e non voglio guardare i miei fratelli. Tutti capitozzati. In realtà se non li guardo è perché gli occhi non li ho più. Tagliati pure quelli.

Continua a leggere